Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni.(CIT) Eleanoor Roosvelt...

...E i miei sono fottutamente belli (CIT) Paolo Scotti

sabato 29 ottobre 2011

Venice Marathon KM x KM... mejo tardi che mai, per non dimenticarmela!!!

Special thanks to Maraton foto

5:45 Il mio ex collega Maurizio, all'esordio sulla lunga distanza si presenta puntualissimo per la partenza alla volta di Stra', nemmeno 1 ora dopo siamo già sui pulman che ci porteranno alla partenza mentre il dubbio Brooks-Saucony sguazza nella mia mente...

8e30 il cuore prende il sopravvento sulla ragione, saranno le Brooks Launch ad accompagnarmi fino a riva dei 7 martiri, un paio di A2 strutturate con ben 900 km sulle suole, più utili per un inceneritore piuttosto che per correre una maratona, so bene il rischio che corro a spararmi 42 km con un paio di ciabatte del genere ma oggi andrò così, a sensazione.

8:40 un rapido saluto ai pochi blogger al via, Pasteo, Simone&Anita, Luca Ginko, Nino, Michele di running in Venice, Drugo assente ingiustificato e una foltissima foto con i runner di runningforum ed è gia tempo di entrare nelle gabbie, una rapida raccomandazione a Maurizio, di non partire troppo allegro perché la maratona non perdona e via. (he he he)

Startline: Il Gruppo misto: Alvin, Nino, ClaudioC e Raffa, fanno un rapido briefing premissione e assumono la formazione d’assalto a rombo, per ClaudioC oggi dovrebbe essere solo un lunghissimo sulla via di Valencia, per me, Nino e Raffa (che in 10 minuti va a pisciare 3 volte) l'occasione buona per provare le 2:59:59, per tutti la stessa strategia, stare con i pacer delle 3 ore il più a lungo possibile e provare a farci forza quando i km cominceranno a chiedere il conto, io ho solo una certezza, fino ai 32-33 a 4:15\km ci arrivo poi, inventerò!

Siamo pronti, 3 minuti al via e il garmin, slam, spento! Orca troia, lo riaccendo, 1 minuto al via, slam, spento di nuovo, bene cazzo, è funzionato senza rogne per un mese dopo l'operazione e mi molla oggi? lo riaccendo sbang, finalmente si parte!

1Km: l'unica pagliacciata dell'impeccabile organizzazione lagunare è nella grigliata, ops, nell’organizzazione delle griglie in partenza, dove, in seconda griglia, oltre a chi detiene un tempo sui 42 compreso tra le 3 ore e le 3 e 15, sono ospitati i 500 acquirenti dei pettorali solidali, non serve sottolineare che il primo km è un furioso slalom speciale tra i benefattori e i soliti furbetti... Gruppo rombo disintegrato: tlin 4:13

Km 2 al mio polso la roadmap, tutti i passaggi km per km al secondo… oggi ultimi 10km a parte, non s’improvvisa niente. Tlin 4:13

Km3 Mi guardo un po’ in giro, non ho la minima idea di dove siano i miei compagni d’avventura, Nino e Raffa si mimetizzano come camaleonti affamati, ClaudioC corricchia qualche metro dietro di me, tlin 4:07

Km4 Io e ClaudioC serriamo i ranghi, poche parole, siamo freschi come rose, si vola ancora a 4:05 fin troppo allegri.

Km5 Ad occhio e croce, i pacer partiti all’incirca 10 secondi prima di noi hanno già 50m buoni di vantaggio su di noi e almeno 100m sul realtime…mah! tlin 4:12, loro 4:05

Km6 Chiedo a ClaudioC se vuole che allunghiamo un attimo per portarci sotto i pacer ma giustamente mi sottolinea che stanno ad un ritmo suicida… tlin 4:10

Km7 Giornata di sole fantastica, gente ovunque, solo sto vento sta iniziando a rompere i maroni ora che le posizioni si stanno snocciolando un po’ tlin 4:13

Km8 con ClaudioC facciam due conti, abbiamo già 32 secondi di vantaggio sul RealTime, penso: “altri 2-3 km così, poi mi assesto sui 4:13” tlin fotocopia 4:13

Km9 Stiamo per entrare ad Oriago, la gente si fa numerosa, saluto i gruppi musicali che allietano la nostra corsa con il gesto “A BUMBAZZA” loro sorridono cantano e rispondono alla stessa maniera tlin fotocopia 4:13

Km10 Ingurgito la prima delle 6 zollette di zucchero, irrorata da 2 sorsate d’acqua, oggi l’unico gel usato è quello per i capelli. Tlin 4:12

Km 11 ClaudioC allunga un po’ per fermarsi a fare plin plin…. Lo ritroverò solamente dopo il traguardo,tlin 4:14

Km12 La strada serpenteggia un po’ tra Mira Oriago ecc ecc tlin 4:12

Km13 Davanti a me quello che ribattezzo stazzisticamete parlando come “il Lazza-Sperlari” perde inesorabilmente terreno.. Raffa mi passa chiacchierando tranquillamente con un compagno di corsa, sembra stia facendo un lunghissimo più che na gara tlin 4:14

Km14 Do un occhiata al garmin per controllare il passo e TADA DA DA…è morto! Tlin 4:bo

Km15 Dopo varie imprecazioni il bastardo riparte, anche se il mio Real time oramai è sconosciuto, l’unica cosa indicativa è il passo medio al km..per il resto, nada, mi giran le balle, tlin 4:17

Km 16 Mi raggiunge Delfio, dell’ Atletica Vicentina, mi dice “Ciao Alvin come sian messi?” gli dico “bene” mi chiede: quanto vuoi fare oggi? Gli rispondo “l’idea sarebbe 2:59:59 ma da qua è ancora lunga”… ha un buon passo, tlin 4:13

Km 17 Lasciamo il corso naturale del fiume Brenta a “Malcontenta” si svolta decisi a sinistra e si entra in zona “Chemical Brothers” (Petrolchimico di Marghera) fa quasi caldino. Tlin 4:15

Km18 Lunghi rettilinei, il vento fresco ci sputacchia qualche folata contro ma io e Delfio siamo ancora più freschi di lui tlin 4:15

Km19 L’andatura rimane buona, una ragazza che sembra la Flo offre acqua… io accetto volentieri, drink 4:14

Km20 Io e Delfio, 3m e 70 in 2 proviamo a farci schermo dal vento dietro a due alti si e no 3m e 30 in due… anche la matematica oltre al vento ci rema contro, si soffre ma in media perfetta Tlin 4:15

Km21,097 Passo alla mezza fresco, rilassato e convinto, 1:29:53…. Il real dovrebbe essere 25 secondi di meno, in linea perfetta coi miei conti, solo i miei però…perché i pacer delle 3 passano in 1:28:52…

Km 22 Entriamo a Marghera, un paio di rotatorie, finalmente aumentano anche i “tifosi” a bordo strada, la monotonia industriale finalmente finisce tlin 4:14

Km 23 Aumenta la gente,aumentano i gruppi musicali on the road… aumenta l’andatura, il GPS aumenta il suo grado di imprecisione in maniera esponenziale, si va a sensazione Tlin… sensazionalmente dico 4:10

Km24 Lungo sottopasso, più gente entra e più i GPS tlinnano tlin “PERSA RICEZIONE SATELLITI” all’uscita dal tunnel orde di vecchine ci chiedono il “passo medio al km” dei nostri ammenicoli da polso per mettere i numeri al superenalotto… c’è chi dice 3:20, chi 5:15 chi 4:38… follia pura.

Km25 Entriamo nel salotto “bene” di Mestre, Piazza Ferretto, sole, fresco, un bordello di gente, chiedo alla gente gridando “dov’è piazza Ferretto su, su dov’è dov’è????” qualche genio mi risponde anche “l’è questa Piassa FeRetto” (con R arrotata) tlin…lasciamo staRe!

Km26 Curve a gomito, palazzoni, i Gps sono inutili, siamo in 3 ed ognuno differisce dall’altro di almeno 20 secondi sul passo medio… c’è un sacco di pubblico, bellissimo, tlin 4:23, possibile???

Km27 Tra i vari speaker presenti lungo il percorso ce n’è uno che sta dicendo una cosa che non capisco bene…”il pilota di MotoGp Marco Simoncelli….. ihfksdhfjks brutto incidente kjahdkjsa morto” guardo i 2-3 che ho intorno, tutti guardano per terra, l’avrò sentito solo io, sono straconvinto di aver sentito male e mi tengo per me ciò che ho capito, solo la telefonata di mia moglie all’arrivo mi da la triste notizia…Ciao Sic….

Km28 l’andatura inizia un po’ a soffrire, la freschezza è rimasta al 21°km tlin 4:15

Km 29 Un ponte che sembra appeso al cielo ci porta nel cuore del parco cittadino più grande d’Europa, “Parco San Giuliano” più passano gli anni e più migliora, più passano gli anni e più mi accorgo che non ha un metro di piano, Suuuuuuuuuuuuuuuu e Giùùùùùùùùù! Tlin 4:14

Km 30 Il Garmin di Delfio bippa il 30°km 250m prima del vero… facciamo conti inutili, ma non serve, l’unico riferimento che abbiamo è il passo medio e il passo al km, il primo dice 4:13\km il secondo 4:21… la festa è ufficialmente finita. (scoprirò poi di esser passato in 2:07:49…media perfetta) i pacer delle 3 ore 2:07:01 (54 secondi d’anticipo)

Km 31Parco-Parco-Parco…. Mai un cm rettilineo, curva di qua, cuuurva di làaaa Finirà sto cazzo di parco o no? Tlin 4:26…santo cielo!

Km 32 Il Porco finisce (il parco)altra lieve salitella, il “freedom bridge” è lì spaparazzato al sole, sferzato dal vento che ci aspetta placido al varco col conto in mano, riappare pure la tipa che sembrava la Flo che offre ancora acqua, stavolta non bevo, mi pare strano e cerco di capire guardando gli altri se la tipa la vedo solo io o cosa… tlin 4:18

Km 33 Senza volerlo abbiamo fatto un bel gruppetto, “va che bel trenino” penso tra me e me, basta imboccare il ponte e il vento fa il resto, deragliamo subito, sembriamo uno sciame di api impazziti ognuno a cercare la scia dell’altro, risultato? Le frecce tricolori, ognun per se e tutti contro il vento tlin 4:24

Km 34 Se qualcuno non ha mai corso la Maratona di Venezia, beh sappia che tutto si decide in questi fottuti 4 km in mezzo al mare, chi ne ha può letteralmente fare il vuoto dietro di sè, chi non ne ha può letteralmente trovare il vuoto dentro di sé…. tlin 4:24, il garmin mi getta tra le braccia dei secondi.

Km 35 Arrivo al ristoro, dove l’anno scorso mi mangia letteralmente i 41 secondi che mi separarono dall’obiettivo 3:04:59, camminai 30 fottuti metri…. Decido quest’anno di camminarne ugualmente almeno 15, tlin 4:30 Delfio Va!

Km 36 Qualcuno da un taxi per la 32esima volta dall’inizio del ponte ci grida, “dai dai, che oramai è finita”…. Tra me e me penso “Ma quel cazzo di satellite della NASA non poteva schiantarsi oggi sopra quel cazzo di taxi????” Tlin “The apocalipse now” 4:44

Km 37 Nemmeno un miracolo potrà farmi fare 2:59e59 oggi, tirare adesso come muli per cercar di recuperare l’irrecuperabile, soffrire come cani e magari chiudere con un 3:01 e rotti è l’ultima cosa che mi passa per l’anticamera del cervello, è andato tutto fin troppo bene finora per rovinare tutto adesso tlin 4:31

Km 37,300 Da lontano, la sagoma di FAT e della FLO (quella vera stavolta) si stagliano maestosi avanti a me, mi accolgono e mi incitano come se fossi primo, li abbraccerei volentieri ma chi ripartirebbe poi? Tento di nascondere un paio di occhi sull’orlo di esondare... vedere certe persone… in certi posti in certe situazioni.. mi causa scompensi emozionali incontrollabili…GRAZIE AMICI!!!!!!!!!!!!!!

Km38 5cm sopra la rotula verso l’interno coscia uno strano dolorino comincia a fare capolino, è probabilmente un crampo, che aspetta solo il momento buono per darmi una bella stilettata mentre…. mentre, mentre, mentre, eh no ma cazzo, Nino? Cammini? Eh no, anche quest’anno, stesso identico punto dello scorso anno… lo invito a ripartire… mi invita ad andare… ciao NI! tlin 4:30

Km 39 14 ponti alla fine, me ne basta uno per sciogliere il quadricipite che minacciava crampi da un km a sta parte… siamo a Venezia, calli a sinistra, mare a destra, gambe stanche ma ok, fantastico. Tlin 4:22

Km 40 Quest’anno oltre agli encomiabili volontari, sul tratto “on the sea” l’organizzazione ha dislocato dei fantastici cagnoloni da soccorso col loro accompagnatore, Terranova, Labrador, Golden retriver, Pastori Bernesi… bellissimi. Tlin 4:51 “modalità turistica- ON”

Km 41 Dal Sestiere Dorsoduro, il consueto “Ponte di Barche”, che attraversa il “Canal Grande” ci catapulta sulla Venezia che tutto il mondo ci invidia, tantissima gente, roba da brivido, siamo a S.Marco… tlin 4:51

Km 42 Dopo il giro d’onore su una delle piazze più famose del mondo, fatta tutta applaudendo, e a braccia aperte stile “aeroplanino” torniamo sul percorso storico, 7 ponti alla fine, gambe in anestesia totale, vanno da sole, io guardo in giro e mi godo il pubblico, indimenticabile…

Ultimi 200m Quel che mi passa per la testa in questi ultimi 200m è davvero tanta roba, sbirciatina verso il TIME per sincerarsi che sia almeno PB e via, a prendersi gli ultimi appalusi di un altro viaggio concluso bene senza troppa sofferenza… 3:03:42 nuovo PB (Qui il report a caldo).

Poco dopo il traguardo ritrovo ClaudioC 3:05 e rotti, Nino, 3:06 e bo, Raffa…. SUPERBO, con il suo 2:58 e briciole, Edoardo 2:56 ecc, Drugo 3:25… senza allenamento e fresco come una rosa… l’imminente dopo gara al pasta party lo passerò con lui, sfondando una porta spalancata riusciamo a scroccare un bicchiere di prosecco fantasmagorico al cuoco del pasta party, lascio Drugo in modalità “rimorchiatore” a chiacchierare con una finisher inglese e due sue amiche, la tipa è messa molto bene, il ragazzo è aitante, unghie dei piedi a parte, ha talento da vendere, spero vada a trovarla presto in Inghilterra… Vecchio porco!

Good Run Amici

P.S.Per i signori di “Marathon foto”…. Grazie mille per le 25 foto scattate in corsa, belle, bellissime, ma sappiate che 49€ per tutte o 10 euro e 90 per una sola, non ve li darei manco fossi Bill Gates…”

lunedì 24 ottobre 2011

VENICE MARATHON 2011, IL RIASSUNTO 3:03:42

A 24 ore di distanza le gambe non fanno altro che ricordarmi che sono il solito pirla, che non si allena abbastanza e che ha ambizioni che non si può permettere….

Sinceramente non me ne frega na cippa, anzi no,non me ne frega un cazzo, che suona anche più deciso, dovessi ripartire domattina farei le stesse scelte pazze, come quella di correre con le vecchie Brooks Launch (con 908 km alla vigilia sulle suole) solo perché me le sentivo più leggere più accomodanti più mie sui 4:15 rispetto alle Saucony Jazz 14, o la scelta di partire allegro, no, non ubriaco, ritenevo che un ritmo vicino ai 4:10 per i primi 10 km non mi avrebbe nuociuto più di tanto, in fin dei conti, problemi muscolari non ne ho avuti e fino al 30° avevo ancora 8 secondi di vantaggio sulla tabella di marcia, poi è arrivato il ponte della libertà, un trenino che ha deragliato al primo accenno di vento contro sul freedom bridge, il ritmo calante e la voglia di godermi un po’di più e soffrire un po’ di meno hanno fatto il resto, il rischio di distruggersi e chiudere con un 3:01 era altissimo, e allora si, mi sarebbero girati i maroni.

Non valevo le 2:59, non li valgo oggi e non li varrò tra 2 mesi, con 3 allenamenti a settimana (4 quando andava meglio) non si possono pretendere i miracoli; la maratona è una signora onesta, non fa sconti o regali a nessuno, ne al primo ne all’ultimo che varca la finish line, certo in 42195m le variabili sono molte e solo l’allenamento e un po’ di fortuna possono contribuire a centrare il bersaglio.

Ho chiuso col tempo che valgo oggi 3:03:42, nuovo PB, 2 minuti in meno dell’anno scorso, dove arrivai più allenato ma più morto al traguardo, se facevo bingo oggi con la maratona avrei chiuso sicuramente per almeno un anno ma il cerchio non si è chiuso e la guerra con me stesso finirà solo quando quel tabellone in Riva dei Sette Martiri dirà 2:59e rotti… lo so da quando tutto iniziò, dalla lontana Venice Marathon del 2005, nessuna fretta, 364 giorni da ieri, salute, fortuna e sarà di nuovo battaglia.

Il riassunto è finito, per gli amanti del genere, prenotate Birra Patatine e una poltrona, tutta Venice Marathon km per km arriverà… appena ho un attimo.

UN GRAZIE GRANDE ALLA PREMIATA DITTA FAT&FLO IL LORO INCORAGGIAMENTO E IL PASSAGGIO IN PIAZZA S.MARCO SONO STATI LA MEDAGLIA PIU' BELLA.

Good Run Amici, Ciao SIC!

domenica 2 ottobre 2011

Il lunghissimo, Gabriel Omar e il futuro...

E così anche l’ultimo lunghissimo nella preparazione della prossima Venice Marathon se n’è andato, 37,8 km,ritmo buono a 4:28\km sui previsti 4:25, prima metà a 4:34\km ma con ben 1200m e 70m (6%) di dislivello, giusto al finire della prima metà che hanno influito almeno di 3-4 secondi al km sulla media di quest’ultima. Diverso il discorso per la seconda metà,4:21 di media con i 1200m corsi stavolta in discesa a 4:38\km l’influsso quindi è stato molto minore, senza la discesa stavo a 4:20 spaccati.

Considerazioni:

Per la prima volta ho avuto il piacere di correre assistito da uno in bici, il santo si chiama Gabriele, di cui abbiamo una diapositiva relativa alla serata del suo addio al celibato...

Il cugino perfetto, non si trova facilmente in giro, gente abbastanza pazza e disponibile ad accompagnarti in city bike per quasi 38 km, tantomeno se dopo avertelo chiesto ti specifica…. “Si sarebbe domenica mattina alle 5:30” e per vendere meglio il prodotto aggiunge: “Si ma va che ti porto in centro, vedessi che spettacolo correre sotto le stelle,vederel’alba dalla ciclabile, correre in corso Palladio alle 6:30 del mattino e Monte Berico? Hai idea della vista che si gode da lassù?”…. manco fossimo sulla tour Eiffel Grazie Lele!!!

Comodo schiaffare sulla bici post uso, lampada frontale, maglietta di ricambio borracia e zollette di zucchero… solo questo mi avrà fatto guadagnare “certi” 3-4 sec al km… dopo 16 km di chiacchere in cui ho saltato pure un “ristoro idrico” gli ho detto…”oh mi par di esser partito da 15 minuti…ah la compagnia”. Durante il ritorno invece, un paio di inveimenti rivolti alla mia persona alla Aldo Rock mi hanno convinto a tenere duro,certo, se mi chiedesse adesso di ripetergli cosa mi ha raccontato durante gli ultimi 2 km finali…. Beh, non ricordo assolutamente niente a parte il garmin che diceva 37°km 4:15 ultimi 830m 4:05.

Il futuro: 3 settimane all’obbiettivo, l’idea 2:59 scricchiola un sacco, nella mia testa c’è un 4:19 grande grande che lampeggia, l’anno scorso avevo un 4:23 che lampeggiava, partii a 4:20, esplosi al 35° e portai a casa un 4:24\km in 3:05:40 4:19 sarebbe un signor 3:02:08… nella vita bisogna anche sapersi accontentare… ma il 23 Ottobre 2011 non è un buon giorno per accontentarsi, giocherò al rischiatutto, mi ficcherò dietro ai pacer delle 3 ore, fino ai 32-33km dovrei arrivare comodo, gli ultimi 9-10 km… beh, quelli ve li racconterò il 24-25 Ottobre…

Good Run Amici

MEMENTO AUDERE SEMPER... RICORDA DI OSARE SEMPRE

Altri Post

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs

RESPONSABILITA'

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L'amministratore del blog, pur mantenendo costante azione preventiva, non ha alcuna responsabilità per gli articoli, siti e blog segnalati e per i loro contenuti. Ogni commento inserito nei post viene lasciato dall'autore dello stesso accettandone ogni eventuale responsabilità civile e penale. Le foto ed i video contenuti in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono copyright dei rispettivi autori/agenzie/editori.